L’Arcivescovo Giovanni ha celebrato a Roma

Autore , 22 giu.2018

Nel giorno di 22 giugno 2018, quando la chiesa ortodossa che segue in calendario giuliano celebra la memoria di San Ap. Bartolomeo, Sua Eminenza l’Arcivescovo Giovanni di Charioupolis, Esarca del Patriarca Ecumenico, ha celebrato la Divina Liturgia nella Basilica di San Bartolomeo all’Isola, che si trova sul Isola Tiberina a Roma, dove si conservano le reliquie di San Bartolomeo.

Sua Eminenza e stato accolto dalla Comunità Ortodossa di San Nicola, che attualmente e guidata dal Arciprete Alexei Baikov, una comunità storica del nostro Esarcato a Roma.

Al Arcivescovo ha concelebrato il clero del nostro decanato in Italia.

Durante la Divina Liturgia, l’Arcivescovo Giovanni ha accordato al padre Alexei ,che svolge l’incarico di Decano delle parrocchie in Italia, il diritto di portare la Mitria, come ringraziamento da parte della Chiesa per la sua grande attività pastorale a Roma e amministrativa, come decano.

36247873_10214394246908918_8832174209238040576_n 36268103_10214394139946244_6778947896336187392_n 36272771_10214394137786190_169993968057057280_n 36277513_10214394322110798_7633997076614873088_n 36285925_10214394261149274_4132044905696460800_n 36292041_10214394143546334_403122812904013824_n 36329558_10214394626598410_6656513673105768448_n

Storia della Basilica:
La basilica di San Bartolomeo all’Isola ha oltre mille anni. Sorge a Roma, sull’Isola Tiberina, luogo di importanza tutta particolare per la storia di Roma, a metà tra Trastevere, rione della prima predicazione cristiana, e l’antico quartiere ebraico.
La basilica di San Bartolomeo all’Isola ha oltre mille anni. Sorge a Roma, sull’Isola Tiberina, luogo di importanza tutta particolare per la storia di Roma, a metà tra Trastevere, rione della prima predicazione cristiana, e l’antico quartiere ebraico. Questa posizione in mezzo al Tevere, luogo chiave per l’attraversamento del fiume, esprime bene uno degli aspetti più caratteristici di questa basilica, che raccoglie memorie legate a mondi diversi e lontani, uniti insieme in una unica e originale sintesi di fede, arte e storia.

La basilica venne costruita in un luogo di pellegrinaggio già conosciuto: da secoli, infatti, sull’Isola Tiberina esisteva un tempio dedicato ad Esculapio, ed erano numerosi coloro che visitavano il luogo sacro per implorare la propria guarigione. Nel 998 l’imperatore tedesco Ottone III edificò la chiesa per accogliere i resti di due martiri: San Bartolomeo apostolo, il cui corpo è custodito nell’altare maggiore, e Sant’Adalberto, vescovo di Praga, che fu ucciso nel 997 mentre evangelizzava popolazioni pagane all’estremo confine settentrionale dell’Europa cristiana.

La nuova costruzione operò una trasformazione nel tessuto dell’Isola Tiberina, espressiva di quel cambiamento generale avvenuto nella città di Roma in seguito alla diffusione del cristianesimo. Il pozzo presente nella basilica, caso molto raro, è un esempio di questo processo: esso probabilmente risale all’epoca romana e le sue acque erano ritenute taumaturgiche. I cristiani hanno saputo conservare e valorizzare quella tradizione: il pozzo è divenuto un simbolo evangelico. Nella antica vera di marmo che lo sovrasta, infatti, vi è un’immagine centrale di Gesù che suggerisce a chi la guarda l’associazione con le parole riportate dal Vangelo di Giovanni: “Chi ha sete venga a me e beva chi crede in me; come dice la Scrittura: fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno” (Gv, 7,38).