Intronizzazione dell’Esarca Patriarcale delle parrocchie ortodosse di tradizione russa in Europa occidentale

Autore , 11 giu.2016

L’intronizzazione è stata presieduta dal Metropolita Emmanuel di Francia, presidente dell’Assemblea dei vescovi ortodossi di Francia e membro del Santo Sinodo del Patriarcato Ecumenico in presenza dei seguenti vescovi ortodossi: Sua Eminenza l’Arcivescovo Michel, Diocesi di Ginevra e l’Europa a ovest della Chiesa russa all’Estero (Patriarcato di Mosca), Sua Eccellenza Marc, vescovo ausiliare dell’arcidiocesi del Patriarcato di Romania in Europa occidentale e meridionale, l’Arcivescovo Ireneo (Avramidis) di Reghion, vescovo ausiliare della Metropolia greco-ortodossa di Francia, Arcivescovo Petros (Bozinis) di Troade, Vescovo ausiliare del Metropolita Athenagoras del Belgio, Esarca dei Paesi Bassi e il Lussemburgo (Patriarcato ecumenico), così come di ospiti della Chiesa cattolica, della Chiesa greco-cattolica ucraina, rappresentanti delle autorità civili, Jean-Christophe Peaucelle (Consigliere per gli affari religiosi del Ministero degli affari esteri) e  Arnaud Schaumasse (Responsabile Ufficio centrale per gli affari religiosi, Ministero degli interni ).

La cerimonia si è svolta nella cattedrale di S. Alexander Nevsky alla fine della celebrazione della Moleben dove le letture apostoliche ed evangeliche hanno ricordato le caratteristiche principali del vescovo a immagine del Buon Pastore, il nostro Signore Gesù Cristo.


Dopo la lettura da parte dell’Arciprete Serge Sollogoub membro del Consiglio dell’Arcidiocesi della lettera patriarcale e sinodale, vi è stata l’acclamazione triplice: “Axios!”, quindi l’Arcivescovo Jean è stato messo da Sua Eminenza il Metropolita Emmanuel di Francia sulla sua cattedra.

Dopo il “Te Deum” vescovo Jean ha pronunciato un discorso in cui ha messo in evidenza gli aspetti principali del ministero della Chiesa: l’amore, la pace, l’ospitalità e la capacità di ascoltare e di comprendere, perdonare ed essere disposti a condividere con il prossimo i bisogni, i dolori e le gioie.

Poi il capo del l’Ufficio centrale degli Affari Religiosi, il sig. Arnaud Schaumasse, si è congratulato con il nuovo arcivescovo e gli ha augurato un buon servizio.

Poi, il Protodiacono Jean Drobot ha  proclamato il policronio (“mnogaja leta”) a Sua Santità il Patriarca Ecumenico Bartolomeo I, al nuovo Arcivescovo e a tutte le personalità, ai chierici e ai fedeli presenti.

In questo grande giorno, molti fedeli sono venuti per pregare e salutare il loro nuovo Arcivescovo.

Dopo la cerimonia un ricevimento è stato offerto nei giardini della cattedrale.

Il nuovo Arcivescovo-Esarca ha presieduto la Divina Liturgia nella Cattedrale, concelebrando con l’Arcivescovo Michael di Ginevra, Mons. Petros (Bozinis,) di Troade, così con i Decani e il clero dell’Arcidiocesi.

Video dell’intronizzazione dell’Arcivescovo Jean di Charioupolis, Arcivescovo dell’Esarcato delle parrocchie ortodosse di tradizione russa in Europa occidentale.

AXIOS! AXIOS! AXIOS!